hulk hogan

WWE, Hulk Hogan: la prima vera icona del wrestling

Con la collaborazione di Zona Wrestling, ecco i profili delle migliori Superstar della WWE di tutti i tempi. La scelta questa volta è ricaduta, e non poteva essere altrimenti, sul mitico Hulk Hogan.

Si scrive Hulk Hogan e si legge Wrestling. Non è una esagerazione quando si parla di Terrence Eugene Bollea meglio noto come Hulk Hogan nato l'11 agosto 1953 in Florida, l'uomo diventato simbolo della disciplina dagli anni ottanta ad oggi.

 

Origini italiane, il contatto con il wrestling avviene in maniera quasi casuale; la leggenda vuole che mentre si allenasse in una palestra sia stato notato dai leggendari Brisco Brothers, noto tag team della NWA degli anni settanta, questi, visto il potenziale che Bollea poteva avere nel wrestling, lo convinsero ad iniziare ad allenarsi con il mito vivente Hiro Matsuda. L'ex lottatore giapponese trasferitosi da anni negli Stati Uniti lo plasmò in maniera sublime rendendolo una macchina perfetta per gli standard dell'epoca, debutta nel 1977 nel circuito NWA fino ad arrivare ad un match per il titolo mondiale.

 

All'inizio degli anni ottanta è praticamente in rampa di lancio. Il triennio 1980-1983 è un successo dopo l'altro, la WWF (attuale WWE) si convince a metterlo sotto contratto per un breve periodo, nel giro di pochi mesi debuttò al Madison Square Garden, iniziò la prima faida contro Andre The Giant e arriva a recitare nel film Rocky III con Sylvester Stallone. Tra l'80 e l'83 alterna lotta tra AWA e NJPW e proprio in Giappone raggiunge la prima popolarità nel nostro paese, che si innamora dell'Ichiban (Numero Uno) trasmesso nelle tv locali italiane. Hogan per il pubblico nipponico cambia stile di lotta, diventa più tecnico e meno grezzo, i suoi match contro Antonio Inoki sono storia per gli appassionati.

 

Ma è il 1983 è l'anno del successo planetario, già a gennaio sconfigge The Iron Sheik, diventa nuovo campione mondiale WWF e questa ricorrenza passerà alla storia come la nascita dell'Hulkamania. Un successo senza precedenti, innestato nella perfetta e innovativa strategia di Vince McMahon, lo rende un fenomeno che supera le barriere del wrestling stesso diventando uno dei volti più noti del mondo e rendendolo una vera e proprio icona pop.

 

Da queste basi infatti nasce la prima Wrestlemania, che vede Hulk Hogan come il perno centrale dell'evento, che lo vede contrapposto in coppia con Mr. T contro Roddy Piper e Paul Orndorff. Per i successivi dieci anni Hulk Hogan rimane l'attrazione principale della WWF e delle sue Wrestlemania, dalla faida contro Andre The Giant, King Kong Bundy, Macho Man Randy Savage, il leggendario match contro Ultimate Warrior a Wrestlemania 6. Inanella successi, titoli, vittorie alla Royal Rumble. Il mito della WWF si forgia parallelamente a quello di Hulk Hogan che il pubblico ama alla follia, ma nel 1993 si rompe qualcosa nei rapporti con la WWF che ha altri piani per il futuro.

 

Dopo il ritorno alla Wrestlemania di quell'anno lascia la WWF anche con noti strascichi legali, si ferma un anno e torna a lottare ben pagato dalla WCW di Ted Turner che in mente di fare la "guerra" alla WWF. Dal 1994 al 1996 ripropone un personaggio praticamente identico a quello che interpretava in WWF con poche sfumature, lottando principalmente contro la sua nemesi Ric Flair.

 

Fino al 7 luglio 1996, data che tutti i fan di wrestling del mondo ricordano con la nascita del New World Order e il turn heel di Hulk Hogan. Da sempre beniamino del pubblico Hulk Hogan passa dalla parte dei cattivi e come sempre nella sua carriera lo fa in maniera innovativa e per nulla scontata. Tra il 1996 e il 1999 l'nWo oltre al successo planetario, che fa tremare i polsi alla WWF di Undertaker, Shawn Micheals e Stone Cold, cambia il linguaggio del wrestling catapultandolo nel nuovo millennio. Hulk "Hollywood" Hogan ne è ancora l'interprete messianico a guidare Nitro contro Raw. Passa alla storia la faida del 1997 contro Sting. Il 2000 è invece l'anno più buio della carriera di Hogan con la lite in diretta tv con Vince Russo che lo accusava di essere una prima donna, ultimo match in WCW che di lì a poco sarebbe stata acquisita dalla WWF.

 

Dopo varie vicissitudini fisiche nel 2002 torna a casa, in WWE, la compagnia che lo aveva reso grandissimo e se il fisico non era più quello di un tempo il carisma era oltre le stelle. Hogan vs The Rock a Wrestlemania 18 è un capolavoro in termini di storytelling ancora oggi. Lotta contro Vince McMahon nell'edizione del 2003 di Wrestlemania e nel 2005 viene introdotto nella WWE Hall of Fame come lottatore ancora attivo, quell'estate si toglie la soddisfazione di lottare contro HBK Shawn Micheals a Summerslam. Rimane in WWE a vario titolo fino al 2007, poi si ferma e nel 2009 accetta la sfida della TNA, attuale Impact Wrestling, con il ruolo di dirigente capo, rimane qualche anno, ma alla fine nel 2014 torna nuovamente in WWE, questa volta nella veste di presentatore di Wrestlemania XXX.

 

Ancora oggi Hogan rimane simbolo e ambasciatore della WWE stessa, una carriera che ha attraversato cinque decenni e una popolarità senza precedenti rendono Hulk Hogan il simbolo del wrestling stesso, come colui che ha saputo rendere pop il wrestling e farlo entrare nelle case dei fan di tutto il mondo.

 

Luca Grandi

Zonawrestling.net

 

Zona Wrestling è raggiungibile anche sui vari social network ai seguenti contatti:

 

FACEBOOK

https://www.facebook.com/ZonaWrestling

 

TWITTER

https://twitter.com/Zona_Wrestling

 

GOOGLE NEWS

https://news.google.com/publications/CAAqBwgKMLr5kAswvbOlAw?oc=3&ceid=IT:it

 

TELEGRAM

https://t.me/zonawrestling

 

***

 

Scopri Dplay Plus, il servizio a pagamento di Dplay che ti permette di guardare il meglio dei contenuti Discovery, in esclusiva e in anticipo rispetto alla TV. Con Dplay Plus, che da luglio 2020 comprende anche la WWE, avrai l’intero catalogo senza pubblicità, e potrai guardare i tuoi programmi preferiti dove vuoi e quando vuoi. Provalo subito a prezzo speciale!

 

***

i momenti indimenticabili di hulk hogan