WWE, Brothers of Destruction: due icone per un Tag Team da leggenda

Vediamo, assieme a Tutto Wrestling, uno dei Tag Team che hanno fatto la storia della WWE: Undertaker e Kane formano i Brothers of Destruction.

Qual è la formula perfetta per creare un tag team di successo? Senza dubbio la chimica tra i due membri del team è uno degli ingredienti principali, i due devono essere in grado di legare dentro e fuori dal ring per poter diventare un team di successo. Anche la storia che li unisce deve essere molto forte, in modo da creare un ulteriore legame tra i due componenti. Aggiungiamoci la parte scenica: i membri devono avere uno stile simile, magari dei costumi uguali, qualcosa che li renda immediatamente riconoscibili. Ultimo ma non meno importante, i due devono sapersi integrare perfettamente sul ring, in modo da essere un team e non semplicemente due wrestler singoli che lottano insieme.

 

UN ANNO DI WWE SU DPLAY PLUS A 24,90 EURO: APPROFITTA DELLA SUPER OFFERTA! 

 

Un'altra componente fondamentale perché un tag team sia ritenuto di successo è senz'altro la longevità. Ci sono dei team che sono stati insieme per tutta o quasi la loro carriera, come i Road Warriors o i Dudley Boyz. Altri team sono stati insieme per anni prima che venisse il momento di dividersi e fare fortuna in singolo, come gli Hardy Boyz, insieme per sedici anni. Ci sono poi team meno longevi, come Edge & Christian, ma talmente abili e affiatati da essere considerati comunque un team leggendario. E poi c'è un team che non ha mai fatto della longevità la sua caratteristica principale, ma che pur essendo altamente incostante e disfunzionale possiede tutte le caratteristiche di un buon team ed è comunque considerato uno dei tag team più importanti della storia della WWE. Parliamo dei Brothers of Destruction, il tag team formato da The Undertaker e Kane.

 

Ricostruire la storia tra The Deadman e The Devil's Favorite Demon non è semplice. Questo perché le vicende tra i due negli anni hanno subito un numero infinito di “retcon” (cioè di rettifiche a posteriori su una storia già raccontata) che hanno reso il tutto quantomeno convulso. Ma proviamoci nel migliore dei modi. Proveniente da una famiglia proprietaria di una ditta di onoranze funebri, The Undertaker fece il suo esordio in WWE (allora ancora nota come WWF) alle Survivor Series del 1990 con uno dei debutti e dei personaggi più efficaci della storia. Affiancato ben presto a quello che sarebbe stato il suo padre putativo (e non solo) per tutto il resto della sua carriera, Paul Bearer, Undertaker seminò il panico in WWE pe r più di sei anni. Fortissimo, quasi imbattibile, Undertaker conquistò anche il suo primo titolo del mondo vincendolo, tra tutti, da Hulk Hogan a Survivor Series 1991, un anno dopo il suo debutto.

 

Fast forward al maggio 1997 quando Paul Bearer, dal quale Undertaker si era separato dopo il tradimento subito dal suo manager, ricattò Undertaker per farlo tornare sotto la sua guida o ne avrebbe pagato il prezzo: Bearer minacciò di svelare il suo più grande e oscuro segreto. Dopo aver sopportato Bearer per un po' Undertaker si rivoltò contro il suo manager che però rivelò il segreto, ovvero che anni prima Undertaker aveva dato fuoco alla casa dei suoi genitori, uccidendo loro e anche suo fratello Kane. Kane però in realtà non era morto: Bearer lo aveva nascosto tra case di cura e ospedali psichiatrici per tenerlo al sicuro. Undertaker negò le accuse e disse che era stato Kane, che da sempre aveva avuto tendenze piromani, a dare fuoco alla casa. Ad aggiungersi a questo il fatto che Bearer era in realtà il padre di Kane, avendo avuto una relazione segreta con la madre dei due fratelli. Tutto ciò portò a un altro debutto storico: appunto quello di Kane, che interferì nel primo Hell in a Cell match della storia tra Undertaker e Shawn Michaels, strappando via di netto la porta della gabbia dai cardini, e colpendo Undertaker con la sua stessa finisher, la Tombstone Piledriver.

 

Il personaggio di Kane, così come quello di Undertaker, meriterebbe un articolo a parte. Basti solo pensare che agli esordi la Big Red Machine indossava una tuta e una maschera che coprivano l'intera superficie del corpo del wrestler, reso deforme dall'incendio che uccise i suoi genitori. Nelle rare occasioni in cui parlava, Kane era costretto a servirsi di un laringofono, per i danni riportati alle corde vocali che gli impedivano di parlare. Tutto questo sarebbe risultato falso negli anni a seguire, quando a poco a poco Kane iniziò a parlare normalmente e a scoprire parti delle braccia e del torso, prive di alcuna bruciatura. La dimostrazione definitiva avvenne quando, durante un feud con l'Evolution, Kane fu costretto a smascherarsi, rivelando un volto perfettamente normale. Fu rivelato successivamente che il corpo di Kane non venne mai realmente danneggiato: le ferite erano nella psiche del wrestler, che si vedeva deforme quando in realtà non lo era mai stato.

 

Ma torniamo ai Brothers of Destruction: l'inevitabile faida innescata da Paul Bearer, ci mise un po' a consumarsi per il rifiuto di Undertaker di affrontare il fratello, ma quando Kane lo chiuse in una bara per poi darle fuoco alla Royal Rumble 1998 il Phenom alla fine si convinse. I due si sfidarono alla successiva Wrestlemania, che stava a poco a poco diventando il santuario di Undertaker data la sua imbattibilità all'evento, che rimase tale quando Undertaker sconfisse Kane. Ma non fu l'ultima volta che i due si affrontarono: la rivalità tra i due continuò a fasi alterne nel corso degli anni, ad esempio a Wrestlemania XX o a Bragging Rights 2010, quando Undertaker andò all'assalto del World Heavyweight Championship detenuto dal fratello ma fu battuto da Kane grazie all'intervento del Nexus.

 

Il rapporto tra i due, però, non si ferma ovviamente alla rivalità a più riprese avuta nel corso degli anni: la nascita dei Brothers of Destruction, del tag team che iniziò a dominare la tag team division, avvenne nel 2001. Nonostante avessero già collaborato in qualche saltuaria occasione fin dal 1998, è in quell'anno che i due fratelli iniziarono a lottare in coppia stabilmente. Dopo Wrestlemania 17, dove Undertaker sconfisse Triple H, i due iniziarono a concentrarsi proprio su quest'ultimo e sul suo Intercontinental Title. Triple H però trovò un valido alleato in Stone Cold Steve Austin ma, per avere la possibilità di affrontare i due, i Brothers of Destruction dovevano prima battere i WWF Tag Team Champions Edge & Christian in un match senza squalifiche. E ci riuscirono, diventando per la prima volta campioni di coppia insieme, salvo poi perdere i titoli proprio contro Austin e Triple H, che erano già rispettivamente WWF Champion e Intercontinental Champion.

 

La rivalità tra le due coppie però continuò, dato che i Brothers of Destruction andarono all'assalto proprio dei due titoli singoli detenuti da Austin e Triple: Kane riuscì a battere Triple H e a diventare Intercontinental Champion, mentre Undertaker non riuscì a fare suo il WWF Title a causa di un'interferenza dello stesso Triple H. Ma la caccia dei Brothers of Destruction ai titoli di coppia non si fermò: anzi, raddoppiò. Nel 2001, infatti, era in corso l'Invasion, ovvero l'invasione della WCW e della ECW ai danni della WWE (un angle della WWE dopo aver acquistato entrambe le compagnie rivali). Con i wrestler della WCW vennero anche i loro titoli: i Brothers of Destruction ottennero un match contro i Natural Born Thrillers (Chuck Palumbo e Sean O'Haire) che erano i detentori dei WCW Tag Team Titles, battendoli e diventando i nuovi campioni. A Summerslam furono protagonisti di un match contro Diamond Dallas Page & Chris Kanyon, che allora erano WWF Tag Team Champions, con la stipulazione che i vincitori avrebbero ottenuto entrambi i titoli. A vincere furono ancora Undertaker e Kane, che dunque divennero doppi campioni. Persero poi successivamente i WWF Tag Team Titles contro i Dudley Boyz e i WCW Tag Team Titles contro i Kronik, smettendo di lottare in coppia poco dopo.

 

Sarebbero tornati a lottare in coppia solo nel 2006 quando, incrociando i rispettivi feud che vedevano Undertaker impegnato contro Mr. Kennedy a SmackDown e Kane in una rivalità contro MVP, i due affrontarono più volte Kennedy e MVP, battendoli in più occasioni. Prima di tornare a dividersi i due affrontarono anche King Booker e Finlay, sconfiggendo anche loro. Da quel momento in poi i due fratelli tornarono a incrociare le loro strade solo sporadicamente, in incontri “one night only”. Significativa per i due, seppur divisi, fu la notte di Wrestlemania 24, quando entrambi conquistarono un titolo mondiale: Undertaker sconfiggendo Edge per il World Heavyweight Championship, Kane battendo Chavo Guerrero per l'ECW Championship in appena otto secondi.

 

UN ANNO DI WWE SU DPLAY PLUS A 24,90 EURO: APPROFITTA DELLA SUPER OFFERTA! 

 

Nel 2010, dopo la faida che vide coinvolti i due l'uno contro l'altro per il World Heavyweight Championship, The Undertaker smise di essere un wrestler a tempo pieno, tornando a lottare solo in poche occasioni durante l'anno, occasioni che si fecero sempre più sporadiche. Alcune di queste occasioni videro altre reunion dei Brothers of Destruction, ad esempio il match del 22 aprile 2013 in cui il team composto da Undertaker, Kane e il tag team partner di allora di quest'ultimo, Daniel Bryan, affrontarono lo Shield, uscendone sconfitti. Nel 2015 i due tornarono a unire le forze per affrontare la Wyatt Family, che aveva preso di mira Undertaker: a Survivor Series 2015 Undertaker e Kane sconfissero Bray Wyatt e Luke Harper. L'ultima apparizione in coppia dei Brothers of Destruction avvenne a Crown Jewel 2018, dove i due vennero sconfitti dalla D-Generation X (Triple H & Shawn Michaels).

 

I Brothers of Destruction non si distinguono per il numero di titoli vinti, né di certo per la longevità o per la stabilità del loro tag team: ciò nonostante parliamo comunque di un tag team straordinario, non soltanto per le abilità e per lo status leggendario di entrambi i membri del team, ma soprattutto per l'incredibile capacità di entrambi di adattarsi, di funzionare perfettamente come team nonostante i due fossero principalmente dei wrestler singoli. Vederli insieme sul ring non era mai comune o banale: una delle maggiori qualità dei Brothers of Destruction consisteva nel dare costantemente l'impressione di stare assistendo a qualcosa di straordinario, che i due fossero impegnati l'uno contro l'altro o in tag team. Sono questi i meriti di Undertaker e Kane, che sia individualmente che nei Brothers of Destruction appartengono alla storia del pro wrestling.

 

Questi i contatti per raggiungere Tutto Wrestling sui social net work:

 

FACEBOOK

https://www.facebook.com/tuttowrestling/

 

TWITTER

https://twitter.com/tuttowrestling

 

GOOGLE NEWS

https://news.google.com/publications/CAAqBwgKMKKClQswjNqqAw?hl=it&gl=IT&ceid=IT%3Ait

 

TWICH

https://www.twitch.tv/tuttowrestling

 

TELEGRAM

https://t.me/tuttowrestling 

 

***

 

Scopri Dplay Plus, il servizio a p agamento di Dplay che ti permette di guardare il meglio dei contenuti Discovery, in esclusiva e in anticipo rispetto alla TV. Con Dplay Plus, che da luglio 2020 comprende anche la WWE, avrai l’intero catalogo senza pubblicità, e potrai guardare i tuoi programmi preferiti dove vuoi e quando vuoi. Provalo subito a prezzo speciale !

 

***

i migliori momenti dei Brothers of destruction