Sumatra, il devastante terremoto del 28 marzo 2005

Sono passati 24 anni da quando l'Indonesia nordoccidentale fu messa in ginocchio da una scossa di 8.7 gradi Richter che provocò 1300 morti e il danneggiamento di quasi tutti gli edifici.

È il 28 marzo 2005, siamo nell'Oceano Indiano quando a 200 miglia dall'isola indonesiana di Sumatra, a circa 30 chilometri di profondita, la terra inizia a tremare. È una scossa devastante di magnitudo 8.7 sulla scala Richter. E sono passati appena tre mesi dall'evento sismico che il 26 dicembre 2004 ha travolto il Sud-est asiatico (in quel caso la scossa era stata di 9.3 gradi Richter) uccidendo più di 230mila persone. La cittadina costiera di Gunungsitoli, nell'isola indonesiana di Nias, viene spazzata via in pochi minuti. E in tutta l'isola di Sumatra risulta gravemente danneggiato il 75% degli edifici. Il ricordo di quanto successo poco tempo prima è ancora vivissimo e così stavolta la macchina dei soccorsi si mette in moto con maggior rapidità ed efficienza, ma questo non impedirà la morte di oltre 1300 persone. Vengono colpite quasi le stesse zone di tre mesi prima, massicce evacuazioni riguardano le regioni costiere di Thailandia, Malesia e Sri Lanka. Come prevedibile uno tsunami con onde alte fino a 3 metri si abbatte sulle coste e ne fanno le spese il porto e l’aeroporto di Simeulue. 

 

SUMATRA, IL DEVASTANTE TERREMOTO DEL 20 MARZO 2005

 

DMAX: I TUOI PROGRAMMI PREFERITI SONO SU DISCOVERY+ 

 

Si tratta del terzo terremoto più potente mai registrato in Indonesia dal 1965, il nono in tutto il mondo dal 1900 per intensità. Ci troviamo in una zona molto attiva dal punto di vista sismico. Qui ogni anno con una frequenza impressionante ci sono migliaia di terremoti. Il terremoto del 28 marzo 2005 si è verificato nella stessa zona di quello del 26 dicembre 2004, nel punto dove la placca indiana a sud-ovest scorre sotto quella indonesiana-birmana (Sunda) a nord-est a una velocità media di circa 6 cm all'anno. L'evento sismico del 26 dicembre è stato generato dalla rottura su una faglia lunga oltre 1200 km, mentre il 28 marzo si è attivato un segmento di faglia lungo circa 300-400 km. Il 3 e il 4 aprile sono state registrare due repliche di magnitudo 6.1 e 6.3. A dare il primo allarme il 28 marzo era stato il Centro per il controllo degli tsunami alle Hawaii, che fa parte della rete dell'Agenzia federale oceanografica degli USA. Si tratta dello stesso organismo finito al centro di furiose polemiche dopo lo tsunami del 26 dicembre perché accusato di aver comunicato in netto ritardo l'ipotesi che il sisma generasse un gigantesco maremoto. La certezza è che il 28 marzo 2005 i Governi si siano mossi tempestivamente evacuando le zone più a rischio e salvando così migliaia di vite.

 

MISTERI DAL SOTTOSUOLO: GUARDA TUTTE LE PUNTATE SU DISCOVERY+ 

 

*** 

Scopri discovery+, il servizio a pagamento che ti permette di guardare il meglio dei contenuti Discovery, in esclusiva e in anticipo rispetto alla TV. Con discovery+ avrai l’intero catalogo senza pubblicità, e potrai guardare i tuoi programmi preferiti dove vuoi e quando vuoi. Provalo subito! 

Ingegneria Last Minute: guarda tutte le puntate

I più visti su DMAX Discovery+