Pac-Man, il 10 maggio 1980 iniziava in Giappone la commercializzazione del videogioco

Esattamente 41 anni fa nasceva uno dei videogiochi più popolari di sempre: ripercorriamone la storia.

Nato da una pizza. Inizia così la storia di Pac-Man, uno dei videogiochi più celebri e amati di sempre. O almeno questo è l'inizio della leggenda che è stata tramandata e che è ormai considerata pura verità. Alla fine degli anni '70 Tohru Iwatani, designer di Namco, società di software giapponese nel campo dei videogiochi, sarebbe uscito per mangiare una pizza con alcuni amici. Una volta arrivata sul tavolo, Iwatania avrebbe addentato il primo pezzo e la sua attenzione si sarebbe focalizzata su quanto rimasto nel piatto: un cerchio privo di uno spicchio, una sorta di bocca spalancata. Da lì l'intuizione e la nascita di Pac-Man. 

 

PAC-MAN, LA STORIA DEL VIDEOGIOCO PIÙ AMATO DI SEMPRE

 

DMAX: I TUOI PROGRAMMI PREFERITI SONO ON DEMAND SU DISCOVERY+ 

 

Dopo oltre un anno di lavoro matto e disperatissimo, Tohru Iwatani completa lo sviluppo del gioco col supporto di un validissimo gruppo di collaboratori. Il protagonista del videogioco si chiama Pac-Man, è di colore giallo ed è a forma di un cerchio privo di uno spicchio. Esattamente come una pizza a cui è stato tolto un pezzo. Pac-Man deve muoversi in un labirinto e inghiottire dei piccoli punti e dei frutti. L'obiettivo del gioco? Riuscire a divorare tutti i puntini presenti nel labirinto per passare al livello successivo. Sembra facile, se non fosse che si deve anche scappare da quattro fantasmini colorati che ti inseguono e diventano innocui solo per pochi secondi quando divori uno dei quattro punti più grandi degli altri presenti nel gioco. In questa finestra temporale Pac-Man può anche inghiottire i fantasmini colorati che però si riproducono poco dopo.

 

HORIZON: DOVRESTI DAVVERO GIOCARE AI VIDEOGIOCHI? 

 

Ma perché il gioco si chiama Pac-Man? Originariamente il nome prescelto era stato Puck-Man, dal giapponese "paku" che è il suono prodotto da chi sta mangiando. Successivamente è diventato Pac-Man per andare incontro al mercato nordamericano e occidentale, visto che "puck" poteva essere erroneamente scambiato con "fuck". Il 10 maggio 1980 inizia in Giappone la commercializzazione del videogioco, mentre il 21 maggio viene distribuito da Midway Games nel mercato statunitense. Il successo è fulmimeo e impressionante e i motivi sono svariati. Innanzitutto Pac-man è un gioco adatto tutti, ragazze e ragazzi. Non c'è violenza, un aspetto in netta contrapposizione con la maggior parte dei videogiochi in circolazione. E poi chiunque giochi si incaponisce rendendosi conto di avere ampi margini di miglioramento. Il miglior giocatore della storia è tutt'ora Billy Mitchel, capace di stabilire un punteggio di 3.333.360 raggiungendo il livello 255 con la prima vita. Nel 2009 è andato in scena addirittura un campionato del mondo sponsorizzato da Namco. Insomma, Pac-Man era, è e sarà sempre uno dei videogiochi più amati della storia.  

 

ATTIVA DISCOVERY+ 

 

*** 

Scopri discovery+, il servizio a pagamento che ti permette di guardare il meglio dei contenuti Discovery, in esclusiva e in anticipo rispetto alla TV. Con discovery+ avrai l’intero catalogo senza pubblicità, e potrai guardare i tuoi programmi preferiti dove vuoi e quando vuoi. Provalo subito! 

Micromostri con Barbascura X: guarda tutte le clip!

I più visti su DMAX Discovery+