Niki Lauda, il 1° agosto 1976 il terribile incidente al Nurburgring

Sono passati esattamente 45 anni dal terribile incidente occorso al Nurburgring a Niki Lauda il 1° agosto 1976: un giorno che gli ha radicalmente cambiato la vita.

Una giornata che lo ha segnato a vita. Era il 1° agosto 1976 quando Niki Lauda sul circuito del Nurburgring perse il controllo della sua sua Ferrari 312 T2 che divenne una palla di fuoco e fu centrata da due vetture. A salvargli la vita, trascinandolo via da quell'inferno, fu Arturo Merzario. Lauda fu ricoverato in ospedale con gravissimi ustioni e ferite su tutto il corpo. Un prete gli diede persino l’estrema unzione, ma dopo aver lottato per giorni tra la vita e la morte fu dichiarato fuori pericolo. A distanza di esattamente 45 anni da quel giorno, ripercorriamo l'incredibile storia del compianto pilota austriaco grazie al documentario disponibile in esclusiva su discovery+.

 

LA STORIA DI NIKI LAUDA: GUARDA IL DOCUMENTARIO SU DISCOVERY+ 

 

Ha solo 10 anni quando si mette al volante per la prima volta. A fargli da maestro ci pensa il cugino che ha già la patente. Fino a 18 anni percorre solo strade private o cortili di fattorie. Ma una volta compiuti 19 anni e presa la patente, acquista e guida la sua prima vera macchina, una Mini Cooper S che ritiene in quel momento la migliore macchina del mondo. Non si separa dalla sua Mini fino al 1968, quando la cambia con una Race Mini che usa per prendere parte a competizioni automobilistiche in Austria. Poi passa a una Porsche 911 con cui vince tutte le cronoscalate e una gara di circuito. Ma i suoi genitori non sono entusiasti della sue ambizioni da pilota, tutt’altro. Soprattutto il nonno Hans, capitano d’industria e pilota amatoriale, vorrebbe leggere il nome del nipote sulle pagine economiche di un giornale. Ma a Niki Lauda non importa e prosegue spedito nella sua carriera automobilistica. Quella di Niki è un’influente famiglia di industriali viennesi che lo fa crescere in un ambiente molto agiato. Il bisnonno, nel 1916, era stato nominato Cavaliere dall’Imperatore Francesco Giuseppe in persona. L’unico a sostenere le ambizioni del giovane Lauda è lo zio. 

 

LEGENDS: GUARDA TUTTE LE PUNTATE SU DISCOVERY+

 

La prima auto da corsa gliela regala nel 1969 Kurt Bergmann per partecipare alla Formula Vee. Bergmann non dà a Lauda una macchina qualunque: lo mette al volante di uno dei suoi motori migliori. E così Lauda acquista grande fiducia nei suoi mezzi e nella prima gara a Hockenheim va subito in testa. Ci resta fino all’ultima curva, quando finisce in testacoda ma riesce comunque a tagliare il traguardo al quarto posto. Il giorno seguente gareggia ad Aspern, vicino Vienna, dove si presenta più sicuro che mai e convinto che la Formula Vee sia un gioco da ragazzi. Ma durante il primo allenamento la sua vettura si capovolge. Da quel giorno partecipa a tutte le gare di Formula Vee e anche al campionato europeo. La fortuna non lo assiste, eppure - eccezion fatta per qualche incidente - riesce sempre a chiudere sul podio. Il primo anno in Formula Vee può essere archiviato con discreta soddisfazione. 

 

ATTIVA ORA DISCOVERY+ 

 

Dalla Formula Vee passa alla Formula 3 con una McNamara, macchina mediocre e poco competitiva che non gli permette di ottenere i risultati sperati. Lauda è costretto a guidare costantemente oltre i propri limiti, andando incontro a ritiri e incidenti in serie. A fine stagione la McNamara si ritira e Lauda ripiega sulle auto da turismo, guidando una Porsche 908. La musica cambia immediatamente e le vittorie non tardano ad arrivare. Nel 1971 riesce a convincere una banca austriaca ad aiutarlo a correre in Formula 2. Per lui è un anno molto istruttivo, farsi strada in quel mondo è un’ardua impresa. Approda nel team March con Ronnie Peterson che lo aiuta moltissimo. La carriera di Lauda in Formula 1 ha inizio il 15 agosto 1971 nel Gran Premio d’Austria, su una March, costretto a ritirarsi dopo appena due giri. Un’anteprima ingannevole di quella che sarà la sua luminosa, straordinaria e leggendaria carriera. Ripercorrila grazie al documentario disponibile su discovery+

 

***  

Scopri discovery+, il servizio a pagamento che ti permette di guardare il meglio dei contenuti Discovery, in esclusiva e in anticipo rispetto alla TV. Con discovery+ avrai l’intero catalogo senza pubblicità, e potrai guardare i tuoi programmi preferiti dove vuoi e quando vuoi. Provalo subito! 

DeLorean: Ritorno al futuro. Guarda tutti i video!

I più visti su DMAX Discovery+