L'ammaraggio del Volo US Airways 1549

Il 15 gennaio 2009 il pilota Chelsey Sullenberg effettuò un ammaraggio di emergenza nel fiume Hudson a causa di un impatto con dei volatili. Ripercorriamo quei momenti.

È 15 gennaio 2009 quando il pilota Chelsey Sullenberg effettua un ammaraggio di emergenza nel fiume Hudson. Sono passati appena cinque minuti da quando l'Airbus A320 è decollato, un volo durato pochissimo a causa dell'impatto con dei volatili che hannno danneggiato entrambi i motori dell'aereo. A distanza di undici anni da quel giorno, ricostruiamo cos'è accaduto. 

 

L'AMMARAGGIO DEL VOLO US AIRWAYS 1549  

 

La mattina del 15 gennaio 2009 New York si sveglia ricoperta dalla neve e dal ghiaccio. Il maltempo imperversa e ne risente anche il traffico aereo. Le ore di ritardo si accumulano col passare dei minuti. Non fa eccezione il piccolo Aeroporto Fiorello LaGuardia, circondato su tre lati dall’acqua e sull’altro lato da una densa area residenziale. Iniziato negli anni ’60, questo progetto da 30 milioni di dollari si estende anche sull’acqua per 20 ettari, l’equivalente di 29 campi da calcio. Tuttavia le sue piste sono lunghe appena 2100 metri, molto meno rispetto alla media compresa tra i 2500 e i 3800 metri. Una differenza pericolosa che in passato ha già provocato incidenti gravi. Nel 1989, a causa di un decollo sbagliato, hanno perso la vita su un aereo di linea 51 passeggeri su 62. Nel 1975 un aereo ha invece risucchiato degli uccelli durante il decollo e non appena i volatili hanno urtato il mezzo, i reattori hanno preso fuoco e successivamente tutto il mezzo è stato avvolto dalle fiamme. Gli uccelli rappresentano una vera minaccia per gli aerei di linea. Solo negli Stati Uniti si verificano 50mila collisioni all’anno. Le grandi distese d’acqua sono inoltre habitat ideali per questi animali che loro malgrado faranno conoscenza con il volo 1549. Alle 15.24 del 15 gennaio 2009, l’Airbus A320 lascia l’Aeroporto LaGuardia di New York per dirigersi all’Aeroporto Internazionale di Charlotte-Douglas, in Carolina del Nord. Alle 15.25 il pilota 57enne Chesley "Sully" Sullenberger comunica alla torre di controllo di aver raggiunto quota 700 piedi. 

 

INGEGNERIA FUORI CONTROLLO: GUARDA TUTTE LE PUNTATE SU DISCOVERY+

 

A bordo dell’aereo ci sono 150 passeggeri e 5 membri dell'equipaggio. Al momento del decollo, ai comandi del volo 1549, si trova il copilota Jeffrey Skiles, 49 anni, che a differenza di Sullenberger ha pochissima esperienza con gli A320 avendo ricevuto da poco l'abilitazione. Skiles è il primo ad accorgersi delle stormo di oche canadesi conto cui sta impattando l’aereo. La collisione avviene alle 15.27, quando pilota e copilota avvertono forti scossoni provenire dalle sezione frontale dell’aereo. Successivamente entrambi i motori perdono improvvisamente potenza dopo aver risucchiato diverse carcasse volatili. A quel punto il comandante Sullenberger prende i comandi, mentre il copilota Skiles avvia la procedura di emergenza per riavviare i motori che si sono spenti. Il pilota comunica alla torre di controllo che sta per eseguire una atterraggio di emergenza. Inizialmente l’intenzione è quella di tornare presso l'aeroporto di partenza, ma il vento soffia in direzione contraria e così la torre di controllo suggerisce di dirigersi nel New Jersey per atterrare presso l'aeroporto di Teterboro. Nulla da fare, anche questa destinazione è troppo lontana. L'aereo continua a perdere quota, l’unica possibilità per evitare lo schianto è un ammaraggio sul fiume Hudson. Dopo aver annunciato ai passeggeri di prepararsi all'impatto, l’A320 compie l’ammaraggio alle 15.30 senza subire gravi danni alla fusoliera. Dalla collisione all’ammaraggio sono passati appena 208 secondi durante i quali il pilota ha dimostrato sangue freddo e lucidità estrema. Nessuno resta ferito. Tutti i passeggeri riescono a lasciare il volo sani e salvi e con loro porteranno solo il ricordo di un grande spavento. 

 

PROVA GRATIS DISCOVERY+  

 

***  

Scopri discovery+, il servizio a pagamento che ti permette di guardare il meglio dei contenuti Discovery, in esclusiva e in anticipo rispetto alla TV. Con discovery+ avrai l’intero catalogo senza pubblicità, e potrai guardare i tuoi programmi preferiti dove vuoi e quando vuoi. Provalo subito! 

Ingegneria Last Minute: guarda tutte le puntate

I grandi classici di DMAX Discovery+