Il disastro della funivia di Cavalese, la prima tragedia sul Cermis

Il 9 marzo 1976 una cabina della funivia di Cavalese, in Trentino, si stacca dalla fune e precipita nel vuoto: muoiono 42 persone. È il più grave incidente di sempre avvenuto su una funivia.

Il più grave incidente che sia mai avvenuto ad una funivia in Italia. Parliamo del disastro della funivia di Cavalese che il 9 marzo 1976 provocò la morte di ben 42 persone. Una terribile pagina di storia che spesso viene confusa con quanto accaduto sempre sul Cermis vent'anni dopo, il 3 febbraio 1998, quando un aereo militare americano tranciò le funi della funivia facendo cadere da oltre 100 metri una cabina con a bordo 20 persone, tutte morte. A distanza di 45 anni dalla tragedia della funivia di Cavalese, ripercorriamo quanto successo quel giorno. 

 

DMAX: I TUOI PROGRAMMI PREFERITI SONO SU DISCOVERY+

 

IL DISASTRO DELLA FUNIVIA CAVALESE: LA STORIA

 

È il 9 marzo 1976, siamo sull'Alpe del Cermis dove c'è una rinomata stazione sciistica. Qui c'è anche il comune di Cavalese, collegato alle piste da una funivia che ha visto la luce nel 1964. Nel primo tratto della funivia, diviso in due tronconi, sta per verificarso una tragedia. Le cabine possono ospitare fino a 40 persone più il manovratore e raggiungono una velocità massima di 10 metri al secondo. Il punto più alto in cui si trovano durante il tragitto è distante 180 metri dal suolo. In una cabina quel giorno salgono due persone più della capacità massima, a bordo ci sono però 15 bambini ed è quindi tutto nella norma: il carico non supera il limite previsto. Mentre la cabina sta scendendo dagli impianti verso Cavalese, le due funi si accavallano e una trancia l'altra. La punta cabina inizia a precipitare nel vuoto da decine di metri, schiantandosi al suolo e continuando a rotolare a lungo sul versante della montagna prima di fermarsi. Viene anche schiacciata inizialmente dal carrello (dal peso di tre tonnellate circa) che la collegava alla fune. Il bilancio è terribile: perdono la vita 42 persone, tra cui 15 bambini. 

 

CRONACA DI UN DISASTRO: GUARDA TUTTE LE PUNTATE SU DISCOVERY+ 

 

Si salva solamente Alessandra Piovesana, una ragazza di 14 anni che viene da Milano. Sopravvive perché i corpi degli altri passeggeri la proteggono dal tremendo impatto. Alessandra riporta comunque gravi ferite e sarà costretta a passare diverse settimane in ospedale. Ma cos'è succcesso alla cabina? Perché le funi si sono accavallate? Le indagini arriveranno tempo dopo alla conclusione che nel momento in cui le funi si erano accavallate, la funivia era stata fatta procedere manualmente dal manovratore, Carlo Schweizer, che aveva così provocato il disastro. Inoltre il sistema automatico di sicurezza era stato disattivato per far sì che la velocità di punta della funivia aumentasse. Schweizer sarà condannato nel 1981 in Cassazione come unico responsabile con l'accusa di omicidio colposo e trascorrerà in carcere nove mesi. Si aprirà anche un secondo processo in cui verrà condannato a 3 anni - sempre con l'accusa di omicidio colposo - il capo servizio Aldo Gianmoena. 

 

ATTIVA DISCOVERY+ 

 

***  

Scopri discovery+, il servizio a pagamento che ti permette di guardare il meglio dei contenuti Discovery, in esclusiva e in anticipo rispetto alla TV. Con discovery+ avrai l’intero catalogo senza pubblicità, e potrai guardare i tuoi programmi preferiti dove vuoi e quando vuoi. Provalo subito!

Cronaca di un disastro: guarda tutte le puntate!